Da Gais a Plan de Corones

Punto ideale per questo tour è Gais in direzione Brunico e poi Val Badia. Lungo il Rio Gadera la strada tenderà leggermente a salire fino a San Vigilio (via Longega) dove inizierà la salita che ti porterà al Passo Furcia (12 km di salita). Una volta conquistato il Passo una svolta secca a sinistra ti porterà all’attacco di Plan de Corones: 5 km durissimi. Il primo chilometro è solo un antipasto di quello che ti aspetterà. Se pensi che i tornanti ti aiuteranno a prendere fiato ti stai sbagliando: sono la parte più difficile. Anche il fondo stradale interamente realizzato con una speciale miscela ecologica di ghiaia e cemento ti renderanno questa sfida più impegnativa. Raggiungere la vetta è infatti un’impresa per pochi, nell’ultimo chilometro la strada si inerpica anche al 24%

Affrontate quindi la discesa fino a Valdaora, lasciato alle spalle Villa Santa Caterina e San Giorgio e lungo la ciclabile che fiancheggia il Torrente Aurino sarete di nuovo a Gais.

Ti interessa questa escursione? Condividila con i tuoi amici ciclisti!

Itinerario

Gais, Longega, San Vigilio, Passo Furcia, Plan de Corones, Valdaora, Villa Santa Caterina, San Giorgio, Gais

Lunghezza: 59 kmDislivello: 1,100 mDifficoltà: difficile